Recensioni

domenica 18 marzo 2018

Semplicemente Giò - Recensione #21

Buona Domenica lettori!

Eccomi qui in questa giornata piovosa con una nuova recensione!

 

 

 

 

TITOLO: Semplicemente Giò

AUTRICE: Erika Lenti

EDITORE: Un cuore per capello

PAGINE: 875

GENERE: Romance


TRAMA: Si dice che il destino sia scritto nelle stelle. Se invece le fatalità non esistessero, se fossimo noi a crearci il futuro, un susseguirsi di eventi non dettati dalla provvidenza ma dalle nostre scelte, cambierebbe la nostra prospettiva sull'esistenza? Chiamatelo destino o semplice casualità, ma la vita si basa su delle scelte, giuste o sbagliate che siano, per la maggior parte delle volte suggerite dal cuore. Che sia una scelta riguardante un amore, una proposta di lavoro, un sogno da perseguire, il cuore è sempre il protagonista. La vita è piena di difficoltà e abbiamo noi la chiave del nostro destino: dobbiamo solo capire quando usarla. Come una chiave di violino messa usualmente all'inizio di un pentagramma, con la funzione di fissare la posizione giusta delle note, ma che può essere usata anche in un punto qualsiasi per identificare un passaggio, un cambiamento. Perché, in fondo, la musica è in tutto ciò che ci circonda, può guidarci, salvarci, ed è lei la vera protagonista di questa storia in cui i personaggi si troveranno spesso di fronte a dei bivi, in cui dovranno decidere se essere veramente padroni del proprio destino: scegliere tra un amore puro, tenero, romantico e sicuro o abbandonarsi a una passione sfrenata, vitale, intensa e irrefrenabile; scegliere di abbandonare un sogno perché le dure e avverse realtà della vita fanno di tutto per impedirti di realizzarlo; scegliere quale rapporto affettivo mettere al primo posto, a costo di perdere una persona comunque importante. Sarà proprio il destino a far scontrare la personalità raggiante ed esuberante di Giorgia, appassionata di musica, con quella del giovanissimo uomo d’affari Liam e dello scontroso ex musicista Dylan. Due ragazzi apparentemente diversi, ma uniti da un passato doloroso e da un futuro che si prospetta ancor più difficile. Giorgia sarà una nuova speranza, un nuovo inizio per entrambi, ma forse segnerà la fine del loro legame… per sempre!

 

 

RECENSIONE: Giorgia, o semplicemente Giò, incontra Liam e tra i due si innesca subito qualcosa ma nello stsso giorno incontr anche Dylan, il fratello di Liam, l'esatto opposto; ed è così che si formerà un triangolo amoroso.

 

 "Dylan è pioggia e Liam il mio sole. Ma cosa voglio dalla vita? Scaldarmi sotto i raggi del sole, sotto il suo tepore e la sicurezza che emana, o farmi invadere dalla pioggia torrenziale, che potrebbe trascinarmi chissà dove?"

 

Giò si ritroverà in mezzo a due personalità opposte: da un lato Liam, un amore dolce, romantico dall'altra Dylan il tipico ragazzo "scontroso".

Dylan inizialmente non sa di essere innamorato della ragazza di suo fratello ma si sa, all'amore non  si comanda!

"E' il dolore più forte che abbia mai provato, cento volte più forte di quello che ha dovuto sopportare nell'ultimo anno. Questo lo spiazza, ma l'amore fa così: non ti chiede il permesso di investirti come un ciclone, arriva e non gli interessa se la persona dall'altra parte appartiene a un altro, se non è quella giusta per te, se si tratta di un grosso errore. Ormai ti ha scelto e non ti resta che viverlo da spettatore."

Tutta la nostra vita è fatta di scelte, di decisioni, a volte molto difficili ma Giò grazie alla musica riuscirà a trovare la sua strada, il suo destino:

"Non ci si innamora per scelta, accade per caso. Rinunciarci, quella si che è una scelta. E se proprio se ne deve fare una, non si può far altro che scegliere la persona che si ama."

Anche se non amo i triangoli amorosi e la scelta tra due fratelli questo romanzo mi è piaciuto.

Ho trovato questa storia emozionante, centrale è l'importanza della vita e il superamente delle difficoltà.

 

L'autrice ha una vasta conoscenza del mondo della musica, una vera passione, ed è riuscita a trasmetterla anche al lettore rendendo il tutto più intenso.


Erika ha una scrittura semplice e nonostante la lunghezza il romanzo scorre molto bene.

 

L'unica cosa che non ho amato più di tanto è stata la parte finale, data la lungheza del romanzo mi aspettavo un finale più approfondito.

Vi consiglio di leggere questa storia perchè è davvero molto bella e soprattutto se amate il mondo della musica non potete perdervela!

Marika

3 commenti:

  1. Non è il mio genere, ma mi sembra molto interessante... magari lo inserirò nelle prossime letture.

    RispondiElimina
  2. Sarà una delle mie prossime letture!

    RispondiElimina

più popolari